31 ottobre 2010

30 ottobre 2010

Tutto minorenni a puntate / 1

  • Premier coinvolto in vicende torbide con una minorenne. Per motivi di privacy non sarà reso noto il nome del premier. 
  • Intanto si cercano notizie sulla giovane nordafricana. Pare sia la figlia dell’autista di Craxi ad Hammamet.
  • Fede coinvolto in vicende di prostituzione: “L’ho saputo dai giornali”. Che era reato.
     
"Quella? Ma non lo sai? E´ la nipote di Mubarak. La madre è una faraona. Il padre ha almeno un paio di piramidi. E noi la tratteniamo in questura? Brigadiere, mi faccia il piacere. Non facciamoci sempre riconoscere!". (M. Serra, l'amaca)

21 ottobre 2010

19 ottobre 2010

18 ottobre 2010

14 ottobre 2010

Bastava chiedere

la tessera del tifoso ?

11 ottobre 2010

(Un) Giallo ad Oslo

Un cinese ? non lo doveva vincere LUI ?
che diranno i sostenitori ?
avevano pronto anche l'inno...

Posti di lavoro contestualizzati

da dagospia.it

10 ottobre 2010

Sciacallaggio

da dagospia


QUATTRO ALPINI UCCISI, LE VITTIME ITALIANE IN AFGHANISTAN SALGONO COSì A 33 - ORA LA DOMANDA NON È SOLO CAZZO STIAMO A FARE IN QUEL BORDELLO DI GUERRA CAMUFFATO DA OPERAZIONE DI PACE, MA CAZZO ASPETTA BERLUSCONI A TORNARE A ROMA: IL BANANA È ANCORA SPAPARANZATO IN RUSSIA CON L’AMICO DI BISBOCCIA PUTIN

Pace e Rigatoni

da Giornalettismo.com

10/10/10

Orco Zio


da spinoza.it:
  • Lo zio di Sarah confessa l’omicidio della nipote. Scarcerato Facebook.
  • Dopo un lungo interrogatorio l’uomo ha confessato, rovinando un’intera stagione di Chi l’ha visto?.
  • Pare che la ragazza sia stata violentata dopo la sua morte. Milioni di telespettatori possono confermarlo.
  • Lo zio ha detto di averla uccisa e poi violentata. Per l’emozione si era dimenticato a casa la scaletta.
  • La Sciarelli si scusa per lo sfruttamento del dolore della madre. Quello per contratto tocca a Vespa.
  • Qui, Quo e Qua: “Ora viviamo nella paura”.

Si fa quel che (si) può

8 ottobre 2010

Il buono, il brutto e il cattivo


Avendo assaggiato i trattamenti speciali dei massaggiatori del Giornale (e non solo di quello), potremmo commentare la notizia come farebbero loro se i perquisiti fossimo noi: “Incastrati i terroristi del Fatto: la Procura di Napoli smaschera i seminatori di odio”. Invece siamo coscienti che l’inchiesta sfociata nelle perquisizioni al Giornale si muove sul filo del rasoio: il rischio di scivolare dai doverosi accertamenti su una notizia di reato (avvalorata dalla testimonianza di Emma Marcegaglia) in una lesione della libertà di stampa è concreto e reale. E ne sono consapevoli gli stessi Pm Woodcock e Piscitelli (sostenuti dal procuratore Lepore, magistrato superprudente), quando precisano che il giornalista “ha il pieno diritto di scrivere ciò che ritiene, di criticare anche in modo duro, pungente e veemente” e “anche di essere fazioso”, ma non di “utilizzare la prospettazione dei propri scritti al solo scopo di coartare la volontà altrui”. [...]


M. Travaglio
Da il Fatto Quotidiano del 8 ottobre 2010

Altan della settimana